Il massaggio dolce del neonato

Le Mani della madre e del padre Aiutano, Stimolano, Sfiorano, Avvolgono, Giocano, Guidano, Insegnano, Odorano di buono…dalla pelle al cuore.

Il massaggio dolce del neonato è un’antica tecnica recentemente riscoperta, che viene anche chiamato ad “ali di farfalla”, per indicare la leggerezza del tocco, come se la pelle fosse sfiorata dalle ali di una farfalla appunto …

Questa stimolazione tattile della pelle è in grado di generare una piacevole sensazione di benessere, che facilita lo sviluppo psico-fisico del neonato. Il massaggio dolce stimola e regola il sistema circolatorio, respiratorio, muscolare, immunitario e gastrointestinale (ad es. riduce le coliche gassose, facilitando l’espulsione dell’aria); inoltre, è un valido aiuto nel favorire il naturale ritmo sonno-veglia; infine, permette al neonato di raggiungere velocemente un’immagine di sé, dei confini del proprio corpo e della propria psiche, sviluppando una maggiore autostima.

I movimenti base del massaggio dolce, che dura circa 15-30 minuti, sono tre: i piccoli circoletti, le delicate vibrazioni e le lunghe carezze.
I circoletti si eseguono con i polpastrelli delle dita appoggiati sulla pelle e mossi circolarmente; la mano si sposta di qualche centimetro e si ripete il movimento nella nuova posizione.
Le vibrazioni prevedono l’appoggio delle mani sopra le braccia o le gambe; si prende gentilmente il tessuto tra il pollice e l’indice, e si muove dolcemente (come se si solleticasse la pelle).
Le carezze unificanti consistono nel far scivolare dolcemente i polpastrelli delle dita lungo tutto il corpo del neonato, dall’alto verso il basso e dall’interno verso l’esterno.

La madre è seduta per terra con il neonato tra le gambe; i vestiti sono comodi e leggeri; le mani calde (utile strofinarsele prima di iniziare) e le unghie corte.
Il neonato non deve aver fame, ed è inoltre preferibile che sia nudo: il momento migliore è dopo il bagnetto. Mentre si effettua il massaggio è utile guardare il neonato e parlargli, assaporando così il piacere del movimento delle mani. Il massaggio si fa con il neonato e non per il neonato, affinché sia un momento di piacere per entrambi.
Il massaggio dolce, infine, non è una pratica ad uso esclusivo della mamma, ma può essere svolto anche dal papà.

Estratto da: C. Paganotti. IL MASSAGGIO DOLCE DEL NEONATO. dentroCASA, n.106, p.220, Settembre 2008.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>