Il reggiseno per la puerpera

Quale reggiseno scegliere, e come sceglierlo, per la fase dell’allattamento?

Gli esperti suggeriscono di prenderne uno che abbia soltanto una taglia in più rispetto a quello indossato nell’ultimo periodo della gravidanza (anche perché può capitare che quest’ultimo possa andar bene di nuovo appena pochi giorni dopo il parto).

Per la scelta, le regole da seguire sono semplici e intuitive:
1) non deve comprimere il torace né avere spalline troppo strette;
2) deve avere il cotone a contatto con la pelle;
3) deve esser facile da aprire, con una sola mano;
4) le componenti del reggiseno non devono in alcun modo comprimere la mammella, per evitare che si formino ritenzioni di latte e, conseguentemente, dotti ostruiti e ingorghi mammari.

L’ideale sarebbe un semplice reggiseno con apertura sul davanti, di modo che,una volta sganciato, lasci completamente libero il seno e non lo costringa, al contrario del classico reggiseno da allattamento che, una volta liberata la mammella desiderata, mantiene le bande laterali che, anche se non sembra, rendono difficoltoso il deflusso del latte.

Come eccesso di attenzione, il che non guasta mai, si esorta altresì a scartare anche le chiusure in velcro, eccessivamente rumorose.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>