Il sesso del nascituro, potete scegliere maschio o femmina?

L’alimentazione della futura mamma può essere determinante.
I futuri genitori, spesso, desiderano conoscere subito il sesso del nascituro, ma forse ancor di più poter decidere se avere un maschio o una femmina.

Nel corso dei secoli sono state impiegate diverse tecniche, anche bizzarre, per determinare il sesso dei figli, come bere strani intrugli; assumere posizioni particolari o scegliere una determinata fase lunare durante l’accoppiamento.

Non esiste un metodo sicuro, tuttavia, da qualche anno, sono iniziati diversi studi per determinare il sesso del nascituro attraverso l’alimentazione della mamma.
In effetti, basta seguire un’alimentazione molto salata, a base di carne, pesce, salumi con pomodori, barbabietole, banane, albicocche, per avere un figlio maschio e un’alimentazione senza sale, ricca di latte, formaggi freschi e insalate, per una figlia femmina, almeno 30-60 giorni prima del concepimento.

In particolare, per favorire il concepimento di un maschio si consigliano alimenti ad alto contenuto di sodio e potassio; per una figlia femmina quelli ad alto contenuto di calcio e magnesio.
Uno studio condotto da due ricercatrici inglesi, Hudson e Buckley, su 6000 gravide ha concluso che le mamme vegetariane tendono a procreare maggiormente figlie femmine, rispetto alle mamme che seguono un’alimentazione a base di carne e pesce che, invece, partoriscono più figli maschi. Sono iniziati studi per scoprire se anche l’alimentazione dei futuri papà possa in qualche modo influenzare il sesso dei figli.

Alimenti “maschili”
Cibi ricchi di sodio: frutti di mare, merluzzo, sardina, tonno, salmone.
Cibi ricchi di potassio: frutti di bosco, pompelmi, arance, mandarini, meloni, mele, banane, pesche, carote, patate.

Alimenti “femminili”
Alimenti ricchi di calcio: latte, formaggio, yogurt, soia, mandorla, tuorlo d’uovo, cavolo, prezzemolo, cima di rapa.
Alimenti ricchi di magnesio: orzo, fagioli, noci, piselli, riso integrale, frumento integrale.

► Il successo nel determinare il sesso pare sia dell’80%, un buon risultato per coloro che dimostreranno di avere costanza.

Estratto da: C.Paganotti. IL SESSO DEL NASCITURO: potete scegliere, maschio o femmina? dentroCASA, n.91, p.182, Giugno 2007

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>