La Candida, l’infezione cronica

Spesso comincia a farsi notare una settimana dopo l’inizio del ciclo, e non smette, proseguendo sino al successivo.
Un fastidio che porta con sé perdite vaginali di color bianco-giallo, decisamente maleodoranti.

Una visita dal ginecologo potrebbe confermare che si tratta di una candida cronica, e il tampone vaginale accerterà la diagnosi.
Intanto, per cercare sollievo immediato, si può seguire uno dei classici rimedi della nonna, la quale consiglia un paio di lavande vaginali alla clorofilla alla settimana e una crema vaginale a base di melaleuca (una vera e propria panacea naturale adoperata come germicida, cicatrizzante, antivirale, antisettico, antimicotico, detergente e deodorante).

Come detergente quotidiano, in erboristeria andrà bene un prodotto a base di echinacea (il cui uso è antichissimo: i pellerossa adoperavano la pianta per curare piaghe e affezioni della pelle, ferite traumatiche e morsi di serpenti; in fitocosmesi è nota come decongestionante e purificante della pelle, di cui tratta rughe, acne, smagliature e screpolature) e propoli (aromatica sostanza resinosa raccolta dalle api da gemme e cortecce vegetali ed elaborata in alveare con l’aggiunta di cera, polline ed enzimi vari).

Gli esperti consigliano di evitare di indossare i salvaslip, che impediscono o riducono di molto la traspirazione della zona genitale.
Poiché la candida può provocare un’alterazione dell’equilibrio della flora batterica intestinale (disbiosi) a tavola si consiglia di eliminare sia latticini (yogurt magro escluso) sia lieviti (niente pizze, dolci e brioches), sia zucchero raffinato (quello bianco usato tutti i giorni) sia dolci, perché questi cibi favoriscono la fermentazione che, a sua volta, favorisce la proliferazione dei miceti (funghi, quindi la candida).
Consigliati il riso e le verdure, tanti agrumi e succo di limone come condimento ideale o bevanda.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>