La dea Lucina e i nodi vietati ▼

Sant’Anna è la patrona delle partorienti, venerata dalla chiesa cattolica, apostolica, romana.

 

E in precedenza chi si occupava dall’alto della protezione dei parti?
Lucina, dea romana potente e misericordiosa, equivalente della greca Ilizia; la quale, a sua volta, sarebbe una rivisitazione, stile Monte Olimpo, della neolitica Grande Madre della natura e della fertilità (anzi, in alcune poesie, le donne greche invocano più Ilizie, quando i dolori del parto sono “frecce acute e penetranti, scoccate dalle dee della nascita che danno amaro travaglio”).

 

Gli amanti della mitologia e delle belle lettere, sempre più rari oggi, chiamano infatti “sacerdoti di Lucina” ostetriche e ginecologi, in spiritosa memoria della divinità preposta un tempo al loro mestiere.
Comunque Lucina, ovvero colei che “porta i neonati alla luce”, fu anche attributo successivo della madre di tutti gli dei e di tutti gli uomini: Giunone in persona.
Anzi, gli antichi abitanti dell’Urbe edificarono sul colle Esquilino un tempio in suo onore, luogo caro e frequentato in pellegrinaggio da chi desiderava un figlio o era in procinto di farne uno.

 

Le vestali, a guardia della porta, controllavano l’abbigliamento di quanti entravano.
Infatti nessuna che avesse un nodo addosso, dalla punta dei capelli alla punta dei calzari, poteva accedervi. I nodi, si sa, erano uno dei nemici maggiori delle partorienti romane, poiché trattengono, ostruiscono, non fanno fluire il decorso della vita. Così come accadrebbe se sul cordone ombelicale.

Era l’anno 375 avanti Cristo.

 

 

Facebook Comments
505 Shares

Redazione

La redazione di Ginecologia è costituita da operatori sanitari del settore ostetrico ginecologico.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap