La sessualità durante la menopausa

La menopausa è quel periodo della vita in cui gli ormoni femminili vengono a ridursi: questo comporta una serie di modificazioni corporee e mentali, ma anche profondi risvolti sulla funzione sessuale.

Circa il 40-60% delle donne in menopausa lamenta qualche cambiamento nella risposta sessuale: riduzione del desiderio sessuale, scarsa capacità di eccitazione, mancanza dell’orgasmo e insoddisfazione generale. In particolari, due disturbi sono un freno alla sessualità, la secchezza vaginale e i rapporti sessuali dolorosi (dispareunia).

Per vivere meglio la sessualità in menopausa esistono varie possibilità farmacologiche e riabilitative. Il trattamento ormonale sostitutivo con estrogeni (ad es. Premia) è sicuramente efficace nel migliorare la qualità dei rapporti, poiché incrementa la lubrificazione e il trofismo vaginale riducendo la dispareunia. Il farmaco di scelta in donne con calo della libido è il tibolone (Livial), che grazie anche al blando effetto androgenico alimenta il desiderio sessuale a livello cerebrale, aumentando i peptidi oppioidi (le molecole del “buonumore”) e migliora la vasocongestione e la lubrificazione vaginale.

Altresì un trattamento sostitutivo a base di testosterone (Intrinsa), nelle donne in menopausa chirurgica (asportazione di entrambe le ovaie e dell’utero), consente un aumento del desiderio e della frequenza dell’attività sessuale soddisfacente, con riduzione del disagio personale.

Altra possibilità è l’applicazione vaginale di ovuli o creme a base d’estrogeni, come il promestriene (Colpotrophine): la vagina diventa più lubrificata ed elastica, perciò anche il dolore nei rapporti si attenua o scompare. Infine i lubrificanti vaginali tradizionali (ad es. Replens) possono aiutare a inumidire la vagina, migliorandone i rapporti sessuali.

La riabilitazione perineale, tramite gli esercizi di Kegel, è fondamentale per “sciogliere” il riflesso di contrazione in risposta alla secchezza vaginale, che è causa di ulteriore dolore e inibisce la lubrificazione all’inizio del coito, ma anche per migliorare il tono della muscolatura perivaginale, al fine di aumentare la sensibilità vaginale e il piacere sessuale.

Una serie di strumenti in grado di facilitare l’adeguata esecuzione di tali esercizi sono i coni vaginali. Infine, l’automassaggio perineale, meglio se aiutato con l’olio d’iperico, per cinque minuti 2-3 volte al giorno, è in grado di ripristinare la normale elasticità della muscolatura perineale.

Estratto da: C. Paganotti. LA SESSUALITA’ DURANTE LA MENOPAUSA. dentroCASA, n.116, p.183, Luglio 2009.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>