News per le metastasi ossee del tumore al seno

senoNel corso del tempo, l’impegno nella ricerca di cure e trattamenti per varie forme tumorali ha portato a nuove ed incoraggianti scoperte che hanno contribuito ad arrestare la crescita del cancro o ad identificare strumenti per la sua cura.

 

La sfida degli scienziati è principalmente quella di individuare i meccanismi che innescano e diffondono le cellule tumorali perché solamente in questo modo è possibile individuare i metodi migliori di trattamento in grado di bloccare quei meccanismi.

 

Recentemente è stato pubblicato uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Sheffield e dell’Università di Copenaghen, che ha portato all’individuazione di un enzima responsabile dello sviluppo delle metastasi ossee nei casi di tumore al seno, segnando un importante progresso nella cura della fase secondaria di questa grave malattia.

 

Gli studiosi hanno individuato un enzima, denominato Lysyl Oxidase (Lox), che viene prodotto dal tumore primario al seno e scava delle cavitazioni nelle ossa prima ancora che siano state invase dalle cellule tumorali, predisponendole allo sviluppo della malattia.

 

Esperimenti condotti su cavie da laboratorio hanno dimostrato che questo processo potrebbe essere fermato tramite l’utilizzo di farmaci bifosfonati, ossia quelli comunemente utilizzati per la cura di un’altra malattia ossea: l’osteoporosi. Gli stessi farmaci che già oggi vengono somministrati ai pazienti maschi con cancro alla prostata diffuso alle ossa per limitare il rischio di fratture.

 

La scoperta è,senza dubbio, molto importante, in quanto apre la strada allo sviluppo di nuove cure che possano impedire l’avanzata del tumore al seno e le sue metastasi alle ossa, prolungando o salvando la vita a migliaia di pazienti.
L’aver compreso il meccanismo del comportamento del tumore consentirà di sviluppare nuove terapie preventive per il trattamento dei tumori secondari del seno, la cui mortalità è ancora molto alta: ogni anno muoiono più di dieci mila donne nel Regno Unito a causa di tumori secondari legati al cancro al seno, e circa l’85% di questi coinvolge le ossa.

 

L’importanza di aver compreso come il tumore si espande alle ossa ha generato ottimismo in campo medico: conoscendo il suo meccanismo di diffusione sarà da ora possibile individuare anche un metodo di bloccaggio.

 

A cura della redazione di ginecologia

Link alle fonti:

– Breast cancer could be ‘stopped in its tracks’ by new technique, say scientists

– The hypoxic cancer secretome inducespre-metastatic bone lesions through lysyl oxidase

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Una risposta a “News per le metastasi ossee del tumore al seno”

  1. Luciana

    volevo qualche informazione in più e quali accertamenti fare o analisi visto che sono stata operata al seno cinque anni fa con kemio , radio e terapia ormonale che mi ha dato grossi problemi proprio a livello osseo e pur avendo smesso da circa un mese l’assunzione della pastiglia ( femara ) ho ancora forti dolori articolari ….

    Rispondi

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>