Ti racconto il mio parto by mamma Chiara

Passa ancora un po’ e decido di alzarmi e fare una camomilla per vedere se passano, ma niente arrivo ad averle ogni 5 minuti e allora via all’ospedale.
Alle 4.30 il pronto soccorso ostetrico è deserto e sono super coccolata, mi visitano 1 cm, procediamo con il monitoraggio le contrazioni ormai sono ogni 3 minuti e sembrano cominciare ad aumentare di intensità ma tutto sommato sopportabili.

Finito il monitoraggio sono già di 3 cm, quindi in camera a cambiarmi e a preparare le cose per la piccola e poi in sala parto, sono le 6.30 e ora cominciano le contrazioni dolorose ma riesco ancora a parlare con mio marito tra una e l’altra.

Ilaria, l’ostetrica mi massaggia dolcemente la schiena a ogni contrazione e il tempo passa veloce.
Alle 8 c è il cambio turno a questo punto i dolori sono intensi quindi chiedo a Cristina, la nuova ostetrica, di visitarmi per capire a che punto siamo perché se manca molto voglio l epidurale e invece sono di 7 cm, decido di resistere non manca molto.

Cristina mi consiglia di mettermi a 4 zampe per fare scendere la testolina della piccola e dopo 3 contrazioni è già ora di spingere, così inizio ma mi sembra non arrivi mai, grazie al cielo il mio angelo decide di rompermi le acque e così dopo qualche spinta si vede la testa, io ho l istinto di chiudere le gambe perciò Cristina mi prende la mano e la posa sulla testa di Cloe allora io divento un leone e in 2 spinte eccola.

Alle 8.44 arriva la nostra “piccola” di 3,750 kg.
Me la mettono addosso e il papà taglia il cordone poi via a farsi bella per conoscere la sorellina, purtroppo solo al telefono causa covid,mentre io ho il secondamento e vengo sistemata, nemmeno un punto.

È il 4 dicembre, fuori una nevicata pazzesca e inizia la nostra nuova avventura.
Non vediamo l’ora di tornare a casa anche perché fra 5 giorni la mia prima bimba compirà 3 anni, fortunatamente va tutto benissimo, l’allattamento parte perfetto e dopo 2 giorni siamo a casa.

 

Chiara

 

Disclaimer
I dettagli sui nomi degli ospedali o dei professionisti, vengono omessi o modificati dalla redazione per evitare ogni relazione con gli specifici punti nascita. I contenuti scelti sono tratti dai raccolti nel forum di Mammole o pervengono direttamente alla redazione segreteria[at]mammole.it e la pubblicazione viene rilanciata su tutta la rete del network, che è costituita da centinaia di pagine FB dei vari ospedali locali. I racconti non possono essere pertanto riconducibili a nessun luogo di nascita preciso, la pubblicazione sulla pagina del singolo reparto non lo identifica come un evento avvenuto nella specifica struttura.

Facebook Comments
386 Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap