Ti racconto il mio parto by Cristina

Sono le 2:00, ho raggiunto la massima dilatazione e l’ostetrica mi annuncia che se me la sento possiamo iniziare a spingere, mi lascia libera di scegliere la posizione che più preferisco, ho deciso di
rimanere supina .

Da quel momento in poi mi tranquillizzo, capisco che quello che immaginavo, urla, pianti, etc. non fanno parte della mia esperienza di parto. Mi sento un’energia dentro bellissima (inaspettata visto che sono una che se la fa sotto per tutto!) e sopratutto mi sento al sicuro.

L’ostetrica mi trasmette tanta positività, coraggio e forza unita a fermezza e dolcezza. Giusto un po’ di fatica nella parte finale ed eccola qui, alle 3:40 finalmente
sul mio petto, tra le mie braccia… quel calore, quel meraviglioso profumo… gli attimi più belli della mia vita!

Cristina

 

Disclaimer
I dettagli sui nomi degli ospedali o dei professionisti, vengono omessi o modificati dalla redazione per evitare ogni relazione con gli specifici punti nascita.
I contenuti scelti sono tratti dai raccolti nel forum di Mammole o pervengono direttamente alla redazione segreteria[at]mammole.it e la pubblicazione viene rilanciata su tutta la rete del network, che è costituita da centinaia di pagine FB dei vari ospedali locali.
I racconti non possono essere pertanto riconducibili a nessun luogo di nascita preciso, la pubblicazione sulla pagina del singolo reparto non lo identifica come un evento avvenuto nella specifica struttura.

Facebook Comments
366 Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap