Cortisonici in gravidanza ed effetti sul nascituro▼

La terapia “corticosteroidea” è ormai considerata la cura standard per donne in gravidanza che rischiano un parto prematuro; questo trattamento, infatti, accelera la maturazione fetale, in particolare quella polmonare, e riduce così significativamente i rischi per il bambino legati ad una nascita pretermine.

Si sta però animatamente discutendo circa gli effetti di una singola dose o di dosi ripetute di cordicosteroidi sul feto e sulle ripercussione a lungo termine.

Uno studio recente si è occupato di indagare la correlazione tra questo tipo di terapia e l’insorgenza di disturbi mentali o comportamentali nei bambini nati a termine o pretermine.

Lo studio di coorte si è basato sui registri nazionali di tutti i nati vivi in Finlandia sopravvissuti fino a 1 anno di vita dal 2006 al 2017 ed è stato anche operato un confronto con i fratelli e le sorelle nati a termine.

Dei 14.868 bambini esposti al trattamento con corticosteroidi, il 45.27% sono… [SEGUE]

 

Facebook Comments
0 Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap