La depressione post-partum ▼

Il parto è un’esperienza straordinaria ma anche faticosa. Stanchezza, dubbi, insicurezze accompagnano spesso i primi giorni di una mamma. Ma questo non si deve confondere con la vera e propria depressione post-partum. Scopriamo le differenze.
Si sente sempre parlare di depressione post-partum, ma la conosciamo veramente?
Spesso si confonde con una condizione temporanea di stanchezza che caratterizza le mamme nella prima settimana di vita del neonato. Questa però è definita come Baby-Blues.

BABY BLUES
Non esiste una precisa definizione, è una condizione post-natale transitoria caratterizzata da diversi sintomi:

  • irritabilità
  • ansia
  • disforia lieve
  • insonnia
  • affaticamento
  • esagerata emotività, facilità al pianto

Lo stress, la stanchezza fisica subite durante il travaglio ed il parto, predispongono la mamma ad uno stato di tristezza e di difficoltà nel relazionarsi con il partner e con i propri familiari. I sintomi compaiono tra il terzo e il quinto giorno di vita del neonato e scompaiono, normalmente entro due settimane. Infatti non sono previsti né indicati interventi.
Un percentuale variabile tra il 30 e l’80% attraversa l’esperienza del Baby-Blues, ma solo una donna su cinque con Baby-Blues svilupperà una depressione post-partum.

DEPRESSIONE POST-PARTUM
È questa la vera forma depressiva del dopo parto… SEGUE

 

Facebook Comments
261 Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap