Incontinenza urinaria nelle giovani donne ▼

E’ sempre crescente il numero di giovani donne interessate dal fenomeno dell’incontinenza urinaria, una condizione nella quale la perdita involontaria di urina crea un disagio sociale ed al contempo igienico, influenzando negativamente la qualità di vita del soggetto che ne fa esperienza.

Anche se generalmente l’incidenza di incontinenza aumenta con l’avanzare dell’età, molte donne giovani tendono a lamentare sintomi urinari che necessitano di indagini specifiche; infatti, non è infrequente la sua manifestazione ancor prima dei 30 anni, generalmente nella forma da sforzo.
Vediamo quindi di cosa si tratta, per meglio comprenderla.

L’incontinenza da sforzo (IUS) coinvolge più di 2 milioni di donne in Italia, e può essere intesa come un sintomo, un segno o una diagnosi urodinamica; è definita come la perdita involontaria di urina in occasione di un aumento della pressione addominale (es. tosse, starnuti, sollevamento di pesi) in assenza di contrazione del muscolo detrusore della vescica.

L’IUS può essere associata ad un’ipermobilità cervico-uretrale e/o a un deficit sfinterico intrinseco: mentre la prima è secondaria al cedimento delle strutture muscolo-fasciali di sostegno (debolezza della muscolatura del pavimento pelvico, della fascia pelvica e dei legamenti pubouretrali), che dovrebbero offrire al pari di un’amaca un supporto stabile al collo vescicale e all’uretra, il deficit sfinterico è correlato a danni del nervo pudendo e dello sfintere uretrale.

Per questa ragione, non di rado la IUS si presenta durante la gravidanza e persiste… [SEGUE] 

 

Facebook Comments
244 Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap